otoplastica_intro_imgL'obiettivo di un intervento di otoplastica è di avvicinare l'orecchio prominente alla testa o di rendere le orecchie più attraenti riducendone le dimensioni e migliorandone la forma.

L'otoplastica o chirurgia delle orecchie ad ansa o prominenti può essere eseguita dall'età di 6-7 anni anche se, generalmente, viene rimandata al fine di avere una maggiore maturità e collaborazione da parte del paziente.

E' Consigliabile effettuare questo intervento nei bambini in anestesia generale; negli adulti viene sempre adottata una anestesia locale.
Spesso viene eseguita insieme ad altri interventi sul viso.
Le incisioni sono generalmente effettuate dietro le orecchie in modo da non essere visibili eventuali cicatrici. Le cartilagini vengono rimodellate o, in alcuni casi, anche parzialmente asportate. Le tecniche di otoplastica sono molteplici in relazione alla parte dell'orecchio da modificare (parte centrale, punta, curvatura, lobi), l'approccio chirurgico adottato viene sempre discusso durante la visita e all'atto del consenso informato.
Durante l'intervento, se questo viene eseguito in anestesia locale senza sedazione, viene data al paziente la possibilità di controllare il risultato intraoperatoriamente in modo da verificare le migliorie ed eventualmente correggere i risultati immediatamente.
Al termine dell'intervento le ferite chirurgiche vengono suturate con fili riassorbibili in modo da non dover essere rimossi i punti.
Il paziente, nella settimana seguente l'intervento, dovrà portare una medicazione compressiva che verrà sostituita per ulteriori 10 giorni da una fascia elastica tipo quelle sportive.
L'intervento di correzione delle orecchie ad ansa non richiede degenza e il paziente ritorna subito dopo a casa con una terapia antibiotica.